Sulla correzione topografica nei Rilievi gravimetrici geominerari

M. BERNABINI

Abstract


Si inette in evidenza che, in certi casi, l'estendere a zone
lontane (oltre 20 km) la sola correzione per la calotta o piastra, può introdurre
errori notevoli nelle differenze tra le anomalie, anche nel caso di rilevamenti su
piccole aree; l'errore è funzione crescente delle differenze tra le quote delle
stazioni. Si propone uii criterio per determinare le distanze cui conviene limitare
la correzione per la calotta (o piastra) e la topografica in senso stretto.
Si riporta, come esempio, il caso di un rilevamento (regione del M.
Amiata) in cui i limiti comunemente adottati (calotta fino alla zona 02 di
Hayford e topografica fino alla M) avrebbero introdotto errori superiori a
quelli che si sarebbero ottenuti scegliendo, in base all'analisi preventiva
proposta, limiti più ristretti per le correzioni.

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5226
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok


Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X