Lineamenti di una Moderna Lotta Antifrana

A. Belluigi

Abstract


L'A. inizia col rilevare l'alto contributo di calamità'lavoro, spese che le situazioni di frana (numerosissime e ravvivantesi), comportanoin Italia.Accenna subito dopo che, purtroppo, non si tiene nel dovuto contole pur innumeri « zone sospette » che si maturano quasi sempre con segnipremonitori, lasciati a se stessi, senza nessuna « Istituzione specifica permanente», dedita al rilevamento (triangolazioni aggiornate, clinografie,tensio e pressiografle, spie estensimetriche, vibrografie, ecc.).Si illustrano i concetti di « autogenesi di frana », autoctona o allactona,« ipocentri di frana » che si attivano post-incubazioni di autotensioni (equilibridi minima stabilità), da cui dipartono quelle « direttrici di rottura »che, nei corpi elastici uniformi, si identificano con le « tensioni principalielastiche » v. Mastrodicasa: « Dissesti statici delle strutture edilizie » Hoepli,1965.Definito geomeccanicamente il « suolo reale », si mostra come sonotraslatabili i risultati ottenuti — con presupposto bidimensionale dei « sistemipiani di tensione » — ai solidi tridimensionali rocciosi. 11 presupposto bidimensionale non è affatto limitativo, e la relativa teorica deduttivasi utilizza in pieno, tenendo conto degli « ipocentri di frana », unanuova prassi perciò per risalire alla « superficie di scorrimento » dei massifranosi (non più induttivamente come si fa quasi sempre oggigiorno).L'A. espone i criteri (numerosi e cruciali), per ben stabilire i « breaks »di frana, misure e dati permanenti, occasionali, formulare le condizionidi stabilità, in base a leggi geomatematiche, intensificare la ricerca ipocentrale,fino a pervenire possibilmente ad un «presagio di valanga» (con vibrografi,analisi fotoelastiche, ecc.) che dia tempo di applicare soprattuttoi metodi moderni di ristrutturizzazione elettrogeocinetici.Vengono a grandi linee illustrati tali metodi che vanno, più propriamente,dall'elettrogeosmosi agli elettrogetti (EGE - iniezioni elettriche dileganti indurenti in situ, postiniettati), ai sistemi piezoelettroiniettivi (elettrosilicatazioni),che amplificano i « domini trattabili dei suoli », « ranges »Teologici, litologici, porosimetrici ecc.

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5502
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok


Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X