SUL REGIME DI VARIAZIONE DIURNA DEL POTENZIALE DEL CAMPO ELETTRICO ATMOSFERICO NORMALE, A MESSINA

SALVATORE GANDOLFO

Abstract


Presso 1 Istituto Geofisico e Geodetico della Università di
Messina, ubicato sullo sperone della collina dell'Andria, durante l'anno
1950. fu registrato il potenziale del campo elettrico atmosferico.
In considerazione della orografia del luogo e per l'esigenza di
assicurare con continuità la custodia e la sorveglianza dell'impianto,
il collettore del potenziale, costituito da una sonda attivata con polonio,
si fece sporgere, di un metro, mediante un'asta metallica isolata
con dielettrina, da una finestra del secondo piano del fabbricato sede
dell'Istituto.
Questa disposizione, se non idonea per la misura dei valori assoluti
del potenziale del campo elettrico atmosferico, per la distorsione
delle superfici equipotenziali dal loro andamento normale, operata
dall'edificio, e per la orografia circostante che non permette di compiere
la riduzione al piano, si dimostrò sufficientemente adatta per
lo studio delle variazioni.

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5677
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok


Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X