SULL'ORIGINE DEI MICROSISMI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALL'ALTO ADRIATICO (*)

P. CALOI

Abstract


Già dal 1936 avevo provato che, nel transito dei cicloni sull'altoAdriatico, le rapide variazioni di pressione collegate a detti cicloni e,specialmente, alla fase positiva montante degli stessi, davano originealla formazione di microsismi, tanto più sensibili quanto più prossimaalla velocità delle onde libere del mare sottostante è la velocitàdei disturbi microbarici.L'ampiezza dei microsismi diventa particolarmente notevole quando,sul golfo di Trieste in direzione del suo asse e in senso contrarioa quello secondo cui crescono le distanze dalla sua base, transitanorapide variazioni della pressione, collegate oppure no a nuclei ciclonici,con velocità paragonabili a quella delle onde libere del mare.L'effetto è massimo per nuclei a tendenza positiva, collegati a cicloniin transito.

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5930
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok


Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X