LA STRUTTURA DELL'ATLANTICO

j. p. ROTHÉ

Abstract


L'autore rammenta la ipotesi di lavoro da lui formulata nel 1947: l'OceanoAtlantico e diviso in due domini, una zona occidentale a carattere sintatico e unaparte orientale a struttura continentale a est della cresta mediana.L'autore considera la distribuzione degli ipocentri sismici, la forma delle coste,il prolungamento delle unità morfologiche africane, nel mare e il valore assai elevatodella velocità delle onde sismiche superficiali, propaganlesi sotto la parte occidentaledell'Atlantico. Discute lo studio di P. Caloi e collaboratori e porta nuoviargomenti a favore della sua ipotesi: dragaggio di una tacliilite (Termier) di trilobiti(Furon 1 di calcari dell'era terziaria (Ewing e Tolsioy) nella parte orientaledell'Atlantico ; teoria delle catene liminari (Glangeaud) ; risultati delle prospezionisismiche per rifrazione ottenuti ad ovest della Scozia ( H i l l ) e nelle vicinanze delleBermude (Ewing).

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5896
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok


Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X