LA STRUTTURA DELL'ATLANTICO

Main Article Content

j. p. ROTHÉ

Abstract

L'autore rammenta la ipotesi di lavoro da lui formulata nel 1947: l'OceanoAtlantico e diviso in due domini, una zona occidentale a carattere sintatico e unaparte orientale a struttura continentale a est della cresta mediana.L'autore considera la distribuzione degli ipocentri sismici, la forma delle coste,il prolungamento delle unità morfologiche africane, nel mare e il valore assai elevatodella velocità delle onde sismiche superficiali, propaganlesi sotto la parte occidentaledell'Atlantico. Discute lo studio di P. Caloi e collaboratori e porta nuoviargomenti a favore della sua ipotesi: dragaggio di una tacliilite (Termier) di trilobiti(Furon 1 di calcari dell'era terziaria (Ewing e Tolsioy) nella parte orientaledell'Atlantico ; teoria delle catene liminari (Glangeaud) ; risultati delle prospezionisismiche per rifrazione ottenuti ad ovest della Scozia ( H i l l ) e nelle vicinanze delleBermude (Ewing).

Article Details

How to Cite
1.
ROTHÉ j. p. LA STRUTTURA DELL’ATLANTICO. Ann. Geophys. [Internet]. 1951Nov.25 [cited 2021Jun.16];4(1):117-25. Available from: https://www.annalsofgeophysics.eu/index.php/annals/article/view/5896
Section
OLD

Most read articles by the same author(s)