SULL'ORIGINE DEI MICROSISMI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALL'ALTO ADRIATICO (*)

P. CALOI

Abstract


Già dal 1936 avevo provato che, nel transito dei cicloni sull'altoAdriatico, le rapide variazioni di pressione collegate a detti cicloni e,specialmente, alla fase positiva montante degli stessi, davano originealla formazione di microsismi, tanto più sensibili quanto più prossimaalla velocità delle onde libere del mare sottostante è la velocitàdei disturbi microbarici.L'ampiezza dei microsismi diventa particolarmente notevole quando,sul golfo di Trieste in direzione del suo asse e in senso contrarioa quello secondo cui crescono le distanze dalla sua base, transitanorapide variazioni della pressione, collegate oppure no a nuclei ciclonici,con velocità paragonabili a quella delle onde libere del mare.L'effetto è massimo per nuclei a tendenza positiva, collegati a cicloniin transito.

Full Text:

PDF

References


DOI: https://doi.org/10.4401/ag-5930

Published by INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - ISSN: 2037-416X